Ha almeno 18 anni?
Non ha l'età adatta per poter visitare questo sito.
Roner sostiene un consumo di bevande alcoliche responsabile.
gruender-gottfried-roner-1952_fotarchiv_roner.jpg
Storie

Le storie di Roner

Curiosità sull'arte della distillazione

roner_gruender-gottfried_1952-in-derwolkensteinstrasse.jpg
Storie e tradizioni della distillazione in Alto Adige attraverso la distilleria della famiglia Roner
28.09.2022

Da bollitori ed alambicchi, distillati clandestini e spiriti nobili

La storia della distillazione nella regione alpina inizia già nel Medioevo. Le sue radici affondano nella misteriosa magia dell'alchimia e nei monasteri, dove i distillati venivano utilizzati in piccole quantità per la produzione di tinture e pozioni curative. Da lì, la conoscenza si diffuse anche tra la popolazione contadina.

La distillazione conobbe il suo periodo di massimo splendore durante il regno di Maria Teresa, quando ai contadini fu concesso il diritto di distillare una certa quantità di acquavite esentasse. Nei loro bollitori in ferro e poi anche in rame, non si bolliva più solo l'acqua per il bucato e per il mangime per i maiali. Ma grazie ad una caldaia, un cappello ed una spirale, il bollitore contadino è stato trasformato in una micro-distilleria per uso domestico. A valle, gli avanzi della viticoltura e della frutticoltura venivano distillati per ottenere un'acquavite contadina, spesso piuttosto grossolana. Ad altitudini più elevate, la distillazione si concentrava su radici ed erbe e soprattutto sulle bacche di sorbo, le quali secondo le leggende avevano un effetto quasi medicinale.

Già intorno al 1900, in Alto Adige e nel Nord Tirolo sono nate molte piccole distillerie “a tempo pieno”. All'inizio, in parte come contrabbandieri, poi ufficialmente per rifornire la Wehrmacht durante gli anni della guerra per conto del Reich tedesco.

treber.jpg
5 fatti circa la grappa
14.09.2022

Grappa time!

Cosa significa in italiano il termine “Schnapszahl”? Schnapszahl, letteralmente ...